Seminari di Farmacologia e Urologia: Anti-muscarinics and overactive bladder: old ideas and new data

Il seminario del prof. Michel verterà sulla presentazione dello stato dell’arte per quanto riguarda la fisiopatologia del sistema colinergico muscarinico nel sistema genitourinario ed i farmaci che agiscono sui recettori muscarinici. In particolare, gli antagonisti dei recettori muscarinici sono farmaci molto utilizzati nel trattamento della vescica iperattiva, disturbo estremamente diffuso e ad alto impatto sociale. Si stima infatti che, nell’ Europa Occidentale (Italia, UK, Germania, Spagna, Francia e Svezia) sia presente in maniera abbastanza omogenea con una prevalenza del 16,6 % nella popolazione superiore ai 40 anni. Il sintomo che viene riferito classicamente è la frequenza nella minzione (85% dei casi), ma anche urgenza (54%) e l’incontinenza da urgenza (36%) sono abbastanza frequenti.

Il Prof. Martin C. Michel è un importante scienziato, farmacologo clinico, conosciuto in tutto il mondo per i suoi studi sulla fisiologia, farmacologia di base e farmacologia clinica del Sistema Nervoso Autonomo, soprattutto in ambito cardiovascolare ed urologico.
La sua carriera si è sviluppata dapprima in Germania, dove è nato nel 1959, ed è poi proseguita alla University of California in San Diego, presso i laboratori diretti dal Prof. P.A. Insel. Tornato in Germania, ha lavorato a lungo presso il Dipartimento di Medicina della Facoltà di Medicina dell’Università di Essen, del quale è stato anche Direttore. Dal 2003 il prof. Michel è stato nominato Direttore del Dipartimento di Farmacologia e Farmacoterapia, presso l’ Academic Medical Center dell’Università di Amsterdam.
È autore o coautore di oltre 400 pubblicazioni su riviste peer-reviewed. È inoltre editore o co-editore di numerose riviste indicizzate, ad alto Impact Factor, sia di farmacologia che di urologia. È uno degli autori delle recentissime linee guida internazionali sul trattamento farmacologico dei disturbi del basso tratto urinario nell’uomo pubblicate dall’European Association of Urology (www.uroweb.org).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.