Il Nobel per la Medicina 2009

STOCCOLMA – Il Nobel per la Medicina 2009 ha premiato Elizabeth H. Blackburn, Carol W. Greider and Jack W. Szostak.

Il Nobel per la Medicina 2009 ha premiato le ricerche di base che hanno aperto la strada allo studio della longevità. Elizabeth H. Blackburn, Carol W. Greider and Jack W. Szostak hanno infatti scoperto la funzione delle strutture che proteggono le estremità dei cromosomi, chiamate telomeri, e l’enzima che li costituisce, la telomerasi.

La ricerca. Capire il meccanismo che protegge i cromosomi durante il processo di divisione cellulare è stato a lungo un rompicapo. I tre scienziati sono riusciti in questa impresa, individuando nei telomeri la difesa più importante contro i danni che i cromosomi possono subire nella fase di divisione cellulare, costituendo perciò la protezione più importante contro la degradazione e l’invecchiamento. Elizabeth Blackburn e Jack Szostak sono stati i primi a individuare i telomeri; successivamente la Blackburn, insieme alla sua allieva Carol Greider, ha identificato l’enzima che “fabbrica” il materiale genetico necessario a costruire i telomeri: la telomerasi, che produce nuovi mattoni di informazione che vanno a integrare i telomeri. La telomerasi è quindi la chiave per controllare l’invecchiamento cellulare: più la cellula ne produce, più il suo invecchiamento viene ritardato.
Secondo l’Accademia svedese, la scoperta ha favorito lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche per le malattie nelle quali è in gioco l’invecchiamento cellulare, come i tumori, dove la produzione di telomerasi è eccessiva.

Dr. Elizabeth H.Blackburn, who holds U.S. and Australian citizenship, is a professor of biology and physiology at the University of California, San Francisco.
Dr. Carol W. Greider is a professor in the department of molecular biology and genetics at Johns Hopkins University School of Medicine in Baltimore.
Dr.Jack Szotak is a professor of genetics at Massachusetts General Hospital in Boston. He is also affiliated with the Howard Hughes Medical Institute.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.