Brescia ha la sua University Press

Anche Brescia ha la sua University Press come «ogni città universitaria che si rispetti», secondo le parole del rettore Sergio Pecorelli: un marchio per i prodotti editoriali dell′Università degli Studi. Si chiama «Brixia University Press», ha un proprio logo ed è l′oggetto di un accordo tra due prestigiose realtà culturali della città: la Statale – che anche con questa intesa celebra i suoi trent′anni di attività – e l′Editrice La Scuola dall′esperienza ultracentenaria.
L′accordo è «per ora quadriennale» – ha precisato ancora Pecorelli – e l′eccellenza delle pubblicazioni sarà garantita da un comitato scientifico (formato dal presidente Pierfranco Spano e da Saverio Regasto, Maurizio Tira, Terenzio Maccabelli, Antonino Sommariva, Ilario Bertoletti, Fulvio De Giorgi e Marco Roncalli) e da un comitato tecnico (Pierfranco Spano, Paolo Panteghini, Carlo Agnini, Paolo Zirotti ed Emilia Strada, quest′ultima appena nominata direttore dell′Innovazione e Servizi Marketing dell′Editrice).
«La cultura ha bisogno di mezzi per espandersi, per essere comunicata, per arrivare non soltanto agli studenti ma a tutte le persone interessate a conoscere quel che si produce», ha spiegato Pecorelli chiarendo subito l′obiettivo del marchio «Brixia University Press». L′Università, ha continuato il rettore, deve innanzitutto lavorare sulla «conoscenza, sulla ricerca e sui risultati della ricerca, che vanno divulgati».
E, in seconda battuta, deve «tradurre» questo sapere per renderlo accessibile ai non addetti ai lavori. Da qui la decisione di rivolgersi a una realtà del territorio forte di una lunga tradizione e di un′altissima professionalità come l′Editrice La Scuola. Che offrirà una serie di servizi quali l′edizione, la stampa, la distribuzione, la promozione e l′editing di opere cartacee con eventuali integrazioni online.
Di «radici del futuro» ha infine parlato il presidente del Comitato scientifico Spano, concludendo che «far comprendere e comprendere noi stessi è il fine di questa iniziativa».

f.sa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.